IL BAMBINO CHE E' STATO IN BRACCIO A GESU'

Con la semplicità tipica dei bambini, ci viene raccontata la vita nel Paradiso da Coltan Burpo un bambino di 4 anni durante una fase di pre-morte a causa di gravissima appendicite in peritonite. 

 

Ricoverato d’urgenza ha raccontato ai genitori di aver parlato con Gesù durante l’operazione. 

 

“Gesù mi ha preso in braccio, ho sentito cantare gli angeli e ho visto la mia sorellina, mai nata” , queste sono alcune delle dichiarazioni di Coltan durante la sua visita nella dimensione Divina.

 

Vi siete mai chiesti com'era fisicamente Gesu', quando era incarnato in un corpo umano? 

 

 

Questo accanto è il volto disegnato da Akiane Kramakik una bambina Lituana all'età di 8 anni secondo le sue visioni e sostenute anche dal piccolo Coltan Burpo.

 

Akiane è nata nel 1994 a 4 anni ha fatto il suo primo disegno e tutti sono rimasti a bocca aperta. Un giorno ha cominciato a disegnare per la mamma con carta e matita, inizialmente per dimostrarle il contenuto delle "visioni" che provava continuamente, guidata durante queste "esperienze" da una voce soave che oggi all'età di ventiquattro anni lei continua a chiamare Dio. "Mi piace Dio," ha detto in più di un'intervista. "E' tutto ciò che possiedo." La mamma di Akiane, di recente immigrata dalla Lituania negli USA e il padre americano avevano già scelto di educare i figli a casa, non a scuola. Non tenevano in casa né libri né immagini religiose. Erano atei dichiarati quando la carriera artistica di Akiane ebbe inizio all'età di tre e mezzo. Quindi, i genitori non sapevano spiegarsi le visioni della bimba partorita nell'acqua, il cui nome vuole dire "oceano" in lingua lituana.

 

Col passare degli anni, Akiane ha parlato anche di Gesù che l’ha portata in giro per l'universo, fino ad "altri mondi." All'età di sei anni, autodidatta e senza altri artisti attorno cui rivolgersi, Akiane ha cominciato a dipingere su tele grandi, con una tecnica di realismo "insegnatole da Dio," con l'intenzione di comunicare i messaggi chiari che aveva ricevuto durante i suoi viaggi nello spazio e nel tempo. Ha sbirciato il paradiso, dice, un luogo estremamente difficile da dipingere. I colori che ha visto lì non esistono sulla terra. Persino i fiori nei giardini del paradiso sono impossibili da replicare: contengono ai loro centri le pianete, dice Akiane. 

Un giorno la bambina ha deciso di pregare forte, cosa che è capace di fare per ore senza interruzione, perché un modello si presentasse nella sua vita per rappresentare la figura di Gesù. Il giorno dopo, un uomo di 215 cm si presentò alla porta della loro casa isolata in una foresta dell'Idaho (USA). L'uomo, un falegname, ha consentito di posare per Akiane che ha prodotto "Il Principe di Pace" e "Signore, perdona loro." Fra i soggetti, troviamo animali che lei, vegetariana per compassione, ama molto; anche le persone di tutte le razze, specialmente i bambini; molti ritratti; la creazione e lo spazio; paesaggi; gli elementi; la guerra, la fame, la sofferenza, la pace e la consolazione. 

Akiane dipinge anche soggetti non facilmente identificabili che hanno a che fare con la fisica quantistica e la biologia. 

 

"Niente regole rigide," dice Akiane "Tutto deve provenire dal cuore, non dal cervello."

Parlando dei suoi dipinti, Akiane dice che il suo scopo è di dare speranza a chiunque li vede. "Ogni puntino, ogni pennellata, ha un messaggio che neanche io posso sapere. Le pennellate sono come i disegni e i puzzle dei milioni di universi paralleli. Sono così contenta di poter creare . . . Ogni quadro che viene fuori è come un bambino. Ci metto dentro la mia vita per crearlo." Aggiunge, "Abbiamo bisogno della natura. Abbiamo bisogno di quella connessione con gli animali, con l'acqua. Io salgo alla mia casetta sopra l'albero e ascolto le foglie e il vento. Tutto è così bello."

 

QUESTI DUE BAMBINI SONO COLLEGATI DA UN FILO D'AMORE la cui missione è quella di divulgare con semplicità l'esistenza della vita oltre la morte.

Sul bambino che è che stato in braccio a Gesù, hanno realizzato anche un film, IL PARADISO PER DAVVERO

 

Bambini come Coltan ce ne sono tanti.

Anche se non vivono fasi di pre-morte, sono sempre più connessi alla fonte Divina e comunicano ogni giorno le loro visioni, i loro contatti con gli esseri invisibili e la magia che esiste nel mondo sottile. 

 

Anche tu hai un figlio con questi doni?

Scrivici la tua esperienza, qui.